Home

DAIMLER, vendite in calo nel 2020 a causa del Coronavirus

Scritto da -

Malgrado la crescita nella seconda metà dell’anno, non è stato recuperato il deficit maturato nella prima parte

Malgrado un altro record di vendite in Cina e una significativa spinta verso la fine, il 2020 di DAIMLER non si avvicinerà ai dati di vendita dell’anno precedente.

La crisi Covid ha colpito duramente Daimler, soprattutto nella prima metà dell’anno, causando un crollo dei dati di vendita a causa della chiusura delle concessionarie e della chiusura di alcuni stabilimenti. Le cose sono andate meglio nella seconda metà dell’anno, ma questo non è bastato per recuperare il deficit.

Date le circostanze, Daimler ha parlato di una forte crescita delle vendite in un anno difficile. In effetti il suo marchio principale Mercedes-Benz ha portato circa 2,16 milioni di veicoli ai clienti in tutto il mondo, come annunciato venerdì. Solo in Cina sono state vendute più di 774.000 Mercedes, più di una su tre.
Si tratta del quinto anno consecutivo sopra la soglia dei due milioni, ma rispetto al 2019 c’è stato un calo del 7,5%.

Nel mercato unico più importante della Cina, il gruppo ha registrato un aumento di quasi il 12%. In Germania, Europa e Stati Uniti, invece, le cifre erano nettamente inferiori rispetto all’anno precedente. L’amministratore delegato Ola Källenius si è detto soddisfatto della domanda di modelli elettrici, aumentata in modo particolarmente forte verso la fine dell’anno. “Siamo stati in grado di triplicare le vendite dei nostri ibridi plug-in e dei veicoli completamente elettrici“, ha affermato.

Non è possibile commentare questo post.

CONOSCERE IL DAX