Home
DAX borsa Francoforte

SCALPING sul DAX: 1 minuto, 5 minuti. Guida, tecniche e strategie

Scritto da -

Il trading scalping sull’indice Dax 30: ecco la guida per farlo nel modo corretto

Lo SCALPING è una strategia di trading molto aggressiva, che può essere adottata per qualunque tipo di asset. Ovviamente anche sugli indici di Borsa, e in questo senso lo SCALPING SUL DAX (1 minuto, 5 minuti) è probabilmente il più praticato.

Prima di addentrarci nel discorso e vedere concretamente come si fa scalping sul DAX – il principale indice azionario della borsa tedesca – dobbiamo precisare subito che non tutti i broker consentono questo metodo di trading. Alcuni anzi lo vietano, e vi chiudono l’account se provate a praticarlo.

Ma ce ne sono altri, come , che lo CONSENTONO ESPRESSAMENTE (addirittura questo broker è focalizzato proprio nello scalping DAX).

Cosa vuol dire fare scalping sul DAX

Quando si parla di SCALPING sul DAX, si fa riferimento a quella strategia “estrema” di trading con la quale si punta a realizzare molti piccoli guadagni nell’arco della giornata, sfruttando piccoli movimenti di prezzo sul mercato.

Un trader che adotta questo approccio arriva a piazzare decine o anche centinaia di scambi in un giorno, cercando di “scalpare” piccoli guadagni per ogni operazione.

Possiamo vedere in questa tratta dal broker , con che frequenza uno scalper piazza le sue operazioni.

img

Lo scalper preferisce quindi rosicchiare tanti piccoli guadagni qui e là, piuttosto che sfruttare grandi movimenti di prezzo su un orizzonte giornaliero, settimanale o anche più lungo (come fa invece il “trader di posizione“).

Al di là delle attitudini personali, lo scalper preferisce questo approccio anche perché quando si negoziano movimenti di prezzo più brevi, si riduce anche la dimensione del rischio.

Lo scalping e le conseguenze operative

Essere uno scalper significa accettare anche molte conseguenze dal punto di vista pratico.

Lo scalper infatti non potrà mai agire seguendo gli stessi schemi di un “trader di posizione”, che opera su intervalli lunghi e tiene aperte le sue operazioni anche per giorni/settimane. Infatti lo scalper non potrà dedicare troppo tempo all’analisi dei grafici, allo studio degli indicatori o dei bilanci delle società, perché di tempo non ne ha: deve infatti cogliere l’occasione giusta appena si presenta, essere tempestivo e saper decidere in fretta cosa fare.

Dal punto di vista operativo quindi, lo SCALPING DAX si caratterizza così:
1) Ha un orizzonte temporale di brevissimo periodo (1/5 o al limite 15 minuti)
2) Comporta apertura/chiusura rapida di numerose operazioni
3) Deve esserci un mercato volatile, ma non troppo
4) Il trader adotta stop loss e target molto stretti

La giusta volatilità

Tra gli aspetti appena menzionati, bisogna fare molta attenzione alla VOLATILITA’.

Lo scalper deve evitare i momenti di scarsa volatilità, perché dal momento che i prezzi non si spostano granché, sarà difficile guadagnare con operazioni mordi e fuggi.
Allo stesso tempo vanno evitati i momenti di estrema volatilità (quelli che ad esempio seguono certi annunci o eventi). In questo caso infatti il prezzo può temporaneamente “impazzire”, e uno sbalzo improvviso potrebbe farci scattare gli stop loss (che come abbiamo detto nello scalping devono essere stretti).

img

Proprio per questo motivo il DAX è considerato l’indice ideale per fare scalping, perché il mercato ha una volatilità elevata anche nelle fasi laterali, quindi è “scalpabile” praticamente sempre.

Stop loss stretti

Sottolineiamo anche la necessità dello scalper di gestire gli stop loss molto stretti. Infatti dal momento che si mira a un guadagno piccolo per ogni operazione, non puoi rischiare di perderne di più se ti va male.

Di solito si utilizza un rapporto tra rischio e rendimento (risk reward ratio) pari a 1:1,5 oppure 1:2. Ossia per ogni euro rischiato si dovrebbe puntare a guadagnarne 1,5 oppure 2.
Ma questo poi sta allo scalper stabilirlo, in base al proprio stile (c’è chi ha un risk reward pari a 1:3, 1:4).

Tutto questo comunque serve a farti comprendere quanto sia essenziale lavorare bene con gli stop loss, perché basta un solo errore per bruciare magari i guadagni di una intera giornata.

Cosa evitare nello scalping sul DAX

Chi vuole fare scalping sul DAX, deve evitare di cadere in alcuni errori che molti purtroppo commettono.

Anzitutto evitate un approccio meccanico, peggio ancora se a suggerirlo è un software o un programmino.
Lo scalper vero non punta e ripunta ogni volta che gli viene suggerito di farlo. E’ vero che deve agire sempre in fetta, ma mai a comando.
Quando si presenta l’occasione, comunque deve analizzare la situazione prima di agire. In fretta, ma DEVE FARLO.

In secondo luogo, come avremo modo di dire parlando dello scalping sul dax con gli indicatori tecnici, non si deve affollare il grafico con decine di indicatori. Si crea solo tantissima inutile (e dannosa) confusione.

L’errore più grande che molti aspiranti scalper commettono è ignorare i prezzi. Invece proprio il prezzo è la principale “arma” dello scalper. Riconoscere a colpo d’occhio un pattern grafico, un pattern di prezzo o il senso di una particolare candela è fondamentale.

A tal proposito vi suggeriamo queste guide:
pattern grafico e di prezzo
candele giapponesi e segnali

Dalla teoria alla pratica: strategia scalping DAX 1 min e 5 min

Adesso che abbiamo messo in chiaro alcuni punti fondamentali riguardo allo scalping su DAX, possiamo passare a qualcosa di più concreto, vedendo in che modo si può fare scalping sul DAX.

Prima però ti ricordiamo ancora una volta che non tutti i broker ammettono lo scalping, e che comunque occorre dotarsi di una piattaforma con spread stretti e alta velocità di esecuzione.
Sotto questo aspetto, lo scalping DAX è possibile con uno dei maggiori broker del panorama internazionale, come .

Vediamo infine alcune delle strategie scalping sul DAX a 1 minuto e 5 minuti.
Scalping con indicatori tecnici sul DAX
Scalping con Price Action sul DAX (scalping grafico)
Scalping con i volumi sul DAX
Buon trading!

Non è possibile commentare questo post.

CONOSCERE IL DAX