Home
DAX borsa Francoforte

Il DAX resta tiepido (-0,09%) e chiude una settimana negativa

Scritto da -

Dopo giorni complicati segnati da preoccupazioni economiche, il Dax ha complessivamente patito una perdita settimanale di poco più dell’uno per cento

Giornata fiacca per i mercati del vecchio continente e anche per Francoforte. Il Dax non riesce a mantenere i guadagni, e chiude a -0,09% a 15.609,81 punti.
Dopo cinque difficili giorni di negoziazione segnati da preoccupazioni economiche, il Dax ha complessivamente patito una perdita settimanale di poco più dell’uno per cento.

Gli investitori rimangono preoccupati per le prospettive di crescita e l’impatto che i continui aumenti dei prezzi e le interruzioni nelle catene di approvvigionamento potrebbero avere sul comportamento di spesa e sui salari.
Anche l’MDAX accusa una piccola perdita, dello 0,08% a 36 092.12 punti.

I singoli titoli

Il titolo migliore del giorno è Infineon +1,95%, che si aggira sui 38 euro prima di cedere una piccola fetta di guadagni.
I prezzi dei produttori tedeschi di articoli sportivi Adidas +0,44% e Puma +1,38% hanno ripreso a salire. La spinta arriva da Lululemon, un’azienda statunitense per abbigliamento da yoga, che ha impressionato gli investitori con i suoi numeri e le sue prospettive.

Giornataccia per Fresenius Medical Care -4,81%, che scivola dopo un doppio downgrade. JP Morgan ha declassato le azioni a ‘Sottopeso’ da ‘Neutro’. Gli analisti di Barclays hanno declassato i titoli a loro volta a ‘Equal Weight’ da ‘Overweight’.
Ne risente anche la “casa madre” Fresenius -1,54%.
Per Deutsche Telekom -2,20% la gioia per un accordo con il gruppo giapponese Softbank ha lasciato il posto alla disillusione. Dopo il balzo di martedì, le cose sono andate in discesa continuamente.

Scende RWE -0,79%, nonostante due buone notizie. L’Agenzia federale gli ha infatti assegnato (assieme alla francese EDF) un contratto d’applato per l’eolicom relativo a tre aree con un volume totale di gara di 958 megawatt (MW). Inoltre RWE, NTE e Havfram parteciperanno al alla procedura di gara del governo norvegese per l’energia eolica offshore galleggiante, che inizierà entro la fine dell’anno.

Sul MDAX

Dopo il brusco calo di metà settimana, Aurubis +2,64% continua il suo rimbalzo ed è il miglior titolo del MDAX.
Nonostante il rivenditore di auto usate Auto1 Group -3,83% abbia annunciato l’apertura del suo primo centro di produzione, le sue azioni sono scivolate al minimo record. Rispetto al prezzo di emissione di 38 euro, il titolo Auto1 ha ormai perso circa il 13% del suo valore.

Con un calo dei prezzi pesante, l”azienda biotech Morphosys -4,46% ha segnato un nuovo minimo dalla fine del 2016.

Non è possibile commentare questo post.

CONOSCERE IL DAX