Home
Vonovia

VONOVIA ce l’ha fatta: acquisterà la maggioranza in Deutsche Wohnen

Scritto da -

La societ annuncia di avere ottenuto l’accettazione del 50,49%. Intanto a Berlino si è votato per il referendum sulle espropriazioni

Quando manca ancora una settimana alla fine del primo periodo di accettazione dell’OPA su Deutsche Wohnen, Vonovia si è già assicurata la maggioranza nel concorrente berlinese.
Vonovia ha infatti annunciato che il numero totale di azioni Deutsche Wohnen offerte al leader del settore di Bochum, che possiede o a cui ha accesso, ammonta a circa il 50,49 percento dei diritti di voto.

Vonovia offre 53 euro per ogni azione Deutsche Wohnen, e la prima scadenza per l’offerta pubblica di acquisto scade il 4 ottobre a mezzanotte (L’Ufficio federale dei cartelli ha già approvato il progetto).

Va ricordato che pur di non fallire il terzo tentativo di acquisto, Vonovia ha rinunciato alla soglia minima di accettazione della sua offerta di acquisto di circa 19 miliardi di euro per il rivale più piccolo.
I due colossi immobiliari, entrambi elencati nell’indice principale Dax, possiedono insieme circa 550.000 appartamenti per un valore di oltre 80 miliardi di euro. La maggior parte di essi si trova in Germania.

Il referendum di Berlino sugli espropri

Sempre sul fronte immobiliare, è giunta intanto una notizia importante. Gli elettori berlinesi si sono espressi a favore dell’espropriazione dei grandi gruppi abitativi, nel referendum svoltosi domenica. Il referendum non solo ha ottenuto la maggioranza richiesta, ma è stato raggiunto il quorum minimo richiesto per l’approvazione.

Gli elettori hanno votato per chiedere al Senato di Berlino di elaborare una legge che trasferisca 240.000 appartamenti dei grandi gruppi immobiliari di Berlino a un ente di diritto pubblico. La palla passa quindi al Senato di Berlino, ma tuttavia il voto non è giuridicamente vincolante per i politici.

Vonovia ha chiesto comunque una nuova forma di cooperazione tra governo statale e attori sociali. Anche dopo la decisione, i politici hanno l’opportunità di elaborare soluzioni più costruttive con tutti gli attori del mercato immobiliare di Berlino. ‘Gli espropri non risolvono le molteplici sfide del mercato immobiliare di Berlino‘, fanno sapere dall’azienda.

Non è possibile commentare questo post.

CONOSCERE IL DAX