Home

DEUTSCHE BANK aumenta gli accantonamenti (1,8 mld) per rischio di insolvenza

Scritto da -

Il gruppo con sede a Francoforte prevede di pubblicare il proprio bilancio per l’intero anno il 4 febbraio.

La pandemia ha innalzato il rischio di insolvenze dei debitori dele banche. Per questo motivo Deutsche Bank ha annunciato che sta accantonando più risorse per possibili insolvenze, rispetto all’anno precedente. “L’accantonamento per rischio di circa 1,8 miliardi di euro per l’intero anno, rientra nell’intervallo previsto per aprile“, ha affermato giovedì il CFO James von Moltke al settimanale “Die Zeit”.
Nel 2019 l’accantonamento era stato di circa 700 milioni di euro. Il gruppo con sede a Francoforte prevede di pubblicare il proprio bilancio per l’intero anno il 4 febbraio.

Von Moltke ha sottolineato: “Intendiamoci, questi sono accantonamenti sono per possibili inadempienze, non si tratta di cancellazioni su inadempienze reali“.
Anche rispetto ad altre banche attive a livello globale, è piuttosto poco. Alcuni istituti statunitensi hanno messo da parte miliardi a doppia cifra. La Germania è “economicamente abbastanza stabile” e la Deutsche Bank ha concesso “pochi prestiti al consumo … che sono i primi a fallire in una situazione del genere“, ha spiegato il CFO.

Come molti esperti, anche von Moltke prevede che il numero di fallimenti aziendali aumenterà nel 2021. Ciò è dovuto all’effetto di recupero perché il regolamento speciale creato durante la pandemia sta scadendo. Le aziende divenute insolventi a causa della crisi Corona non erano obbligate a dichiarare fallimento tra marzo e settembre 2020 inclusi. Per i casi di sovraindebitamento, il legislatore ha esteso questa eccezione alla fine di gennaio 2021.

Non è possibile commentare questo post.

CONOSCERE IL DAX