Home

Il DAX si rialza ma di poco (0,11%). Quota 14mila rimane un tabù

Scritto da -

Gli investitori non sono sicuri di quanto tempo e quanto i nuovi blocchi influenzeranno l’attività economica

La permanenza del DAX sotto quota 14.000 punti è proseguita anche mercoledì. Gli investitori non sono sicuri di quanto tempo e quanto i nuovi blocchi influenzeranno l’attività economica.
L’indice Dax chiude comunque in rialzo dello 0,11% a 13.939,71 punti.
L’MDax è salito dello 0,38% a 31.308,30 punti.

DAX

Giornata positiva soprattutto per le aziende in grado di generare rendimenti stabili anche durante la crisi da Coronavirus.
Tra queste, le due utility RWE ed Eon, nonché le società immobiliari Vonovia e Deutsche Wohnen.

Volano però le azioni Bayer +4,49%. Le prospettive agricole positive spingono i titoli coinvolti nel settore. Diversi analisti hanno recentemente dipinto un quadro positivo del settore e hanno indicato prezzi elevati per i raccolti e probabilmente buoni profitti per gli agricoltori nel 2020. Dovrebbero quindi essere pronti a spendere più soldi in fertilizzanti e semi di qualità superiore nel 2021.
Inoltre Bayer beneficia delle previsioni riguardo ad alcuni farmaci.

Tra i migliori anche le azioni di Deutsche Post +0,93%. Dopo un anno record, il CEO Frank Appel si aspetta un business ancora migliore per il gruppo logistico con sede a Bonn nel 2021.

Al contrario, Delivery Hero ha perso il 3,7%. Gli investitori hanno preso profitto dopo i risultati dal rivale Just Eat Takeaway.

MDAX

Il gruppo di tecnologia energetica Siemens Energy è il migliore del giorno con +4,17%. Assieme al produttore di turbine eoliche Siemens Gamesa vuole utilizzare una nuova tecnologia per rendere la produzione di idrogeno pronta per il mercato. Il progetto ha un costo di circa 120 milioni di euro, e i partner vogliono sviluppare una turbina eolica offshore che utilizzi l’elettricità generata per produrre idrogeno in loco e la trasmetta ai clienti tramite condutture.

Bene anche Alstria Office +2,12%. Il gruppo immobiliare ha potuto rivalutare il proprio portafoglio a 4,6 miliardi. Nel corso del 2020, la società aveva dovuto svalutare il proprio portafoglio a causa della crisi Covid, contabilizzando 88,4 milioni di euro nel primo semestre dell’esercizio 2020. Adesso invece si può procedere a una rivalutazione di circa 150 milioni di euro. Questa somma si rifletterà di conseguenza positivamente nel conto profitti e perdite del gruppo.

Bello slancio anche per MorpohSys +2,01%, dopo che Health Canada ha accettato la domanda di approvazione per il farmaco Tafasitamab.

Giornata nerissima per ProSiebenSat.1 -5,91%, dopo la vendita di azioni da parte di KKR, che ha ceduto una quota del 4,7% a 13,50 euro per azione. Martedì dopo la chiusura delle contrattazioni, l’agenzia di stampa Bloomberg ha riferito della vendita di undici milioni di azioni da parte dell’investitore finanziario. Dalla fine di ottobre, le azioni della società dei media erano aumentate di quasi la metà del loro valore e recentemente hanno raggiunto un massimo da novembre 2019.

Non è possibile commentare questo post.

CONOSCERE IL DAX