Home

Scatto del DAX (+1,36%) dopo giorni così così. Attesa per la BCE

Scritto da -

Tuttavia non manca una certa tensione, legata sia al Covid che alla riunione della Banca centrale europea (BCE) di giovedì

Il Dax ha continuato il suo recupero dopo le difficoltà di inizio settimana. Grazie allo slancio dato dall’umore tonico di Wall Street il giorno prima, il listino tedesco ha imboccato subito la via della salita.
Tuttavia non manca una certa tensione, legata sia al Covid che alla riunione della Banca centrale europea (BCE) di giovedì.
L’indice leader tedesco ha terminato con +1,36% a 15 422,50 punti.
L’indice MDAX è cresciuto invece dell’1,63% a 34 503,48 punti.

I singoli titoli

Protagonista del giorno è Alstria office +9,04%, che va in rally sull’interesse di Brookfield, società di investimento canadese che già possiede l’8,35% del suo capitale.

Sul DAX il migliore è Siemens Energy +4,92 che rimbalza dopo il crollo della settimana scorsa, quando era stata affossata dai risultati deludenti della spagnola Siemens GameSa. 
Per il resto è stata una giornata di conti e di previsioni, che segnano l’andamento di alcuni titoli.
Cresce Daimler +1,10%, che segnala un utile di 3,7 miliardi nel secondo trimestre, nonostante la crisi dei semiconduttori. Dopo i dati, gli analisti hanno confermato la view rialzista sul titolo.

Va invece in netto calo SAP -2,49%, unico titolo del DAX a cadere notevolmente. Oggi il produttore di software ha annunciato i risultati Q2 e semestre, che vengono trainati dalla crescita del cloud. L’outlook 2021 viene rivisto al rialzo, ma spicca il calo del profitto operativo rispetto al 2020.

I risultati del secondo trimestre di Software AG -0,40%, che si sta convertendo ai modelli di abbonamento, non soddisfano i mercati.
Il fornitore di servizi di laboratorio e il fornitore farmaceutico Sartorius -3,56% continua a beneficiare di una forte domanda di test anti-Covid, questo spinge i conti e aumenta le aspettative per l’intero anno. Tuttavia, questi numeri erano già stati “prezzati” a inizio mese.
K+S +1,19% evidenzia numeri del secondo trimestre oltre le aspettative. L’EBITDA nel secondo trimestre del 2021 ammonta a circa 110 milioni di euro.

Nel Dax, i titoli di Munich Re +3,45% hanno beneficiato di una raccomandazione di DZ Bank, grazie all’elevato profitto trimestrale del riassicuratore.
Il gruppo farmaceutico Bayer +1,69% può ora vendere il suo farmaco per il cuore Verquvo nell’Unione europea. La Commissione UE lo ha infatti approvato.

Dopo il calo degli utili tempi, causato dalla variante Delta del Covid, riprendono quota i titoli di viaggio Lufthansa +1,90%, Fraport +2,06% e Airbus +4,28%. Bene anche il rpoduttore di motori MTU +4,31%.

Porsche +2,60% (controllata Volkswagen +3,14%) sta lavorando con BASF +1,67% alla produzione di celle per batterie per auto elettriche ad alte prestazioni.
Intanto arriva però una notizia meno piacevole: deve pagare una multa di 40 milioni di euro a causa della violazione della supervisione nella società. Porsche rinuncia a far ricorso e pagherà la multa allo stato di Baden-Wüttemberg.

Corre Hochtief +2,82% grazie al fatto che la controllata australiana Cimic (77% del capitale) registra vendite e profitti più alti.
L’organizzatore del concerto e il biglietto hanno migliorato il CTS Eventim +2,49% si espande in Asia, a Singapore.

Non è possibile commentare questo post.

CONOSCERE IL DAX