Home

Il DAX si muove poco (-0,38%) in attesa del meeting BCE e dell’inflazione Usa

Scritto da -

Nel frattempo, l’MDax delle medie imprese ha registrato un aumento dello 0,06% a 33.804,48 punti

Alla vigilia del meeting BCE e dei dati sull’inflazione negli Stati Uniti, gli investitori del mercato azionario tedesco si sono mossi con cautela.
L’indice principale è entrato solo temporaneamente nella zona di profitto mercoledì, ma alla fine il DAX ha chiuso in calo dello 0,38% a 15.581,14 punti.
Nel frattempo, l’MDax delle medie imprese ha registrato un aumento dello 0,06% a 33.804,48 punti.

Come successo ieri, l’interesse degli investitori è stato sui titoli difensivi a scapito di quelli ciclici.
Brilla così il settore farmaceutico, con Merck +2,83, Fresenius +0,96 e Fresenius Medical Care +0,95 al vertice del DAX. Bene anche Bayer +0,51% e Gerresheimer +1,39% nel Mdax.

Altra giornata grigia per il settore auto.
Volkswagen -1,09% ha raggiunto un accordo con l’ex amministratore delegato Martin Winterkorn e l’ex membro del consiglio di amministrazione Rupert Stadler sul risarcimento per lo scandalo diesel. Winterkorn pagherà un importo di 11,2 milioni di euro e Stadler un importo di 4,1 milioni di euro.
Il Gruppo automobilistico ha inoltre investito circa 500 milioni di euro nel produttore svedese di celle per batterie Northvolt.

BMW -0,96% amplia la cooperazione con il produttore fotovoltaico Solarwatt per la produzione di sistemi di accumulo di batterie.

Sprint nella seconda parte della giornata per Aixtron +7,75, che ha aumentato le previsioni per nuovi ordini, ricavi e margine EBIT.

Corre anche Fraport +6,02 grazie al via libera della UE al “green pass” per viaggiare questa estate e alla prospettiva di minori limitazioni ai voli Usa verso le destinazioni Europee.
Ne beneficiano altri titoli dels ettore, come MTU Aero Engines +0,91% e Lufthansa +2,89%.
Intanto Airbus +0,24% prepara la versione cargo dell’A350, entrando così in diretta concorrenza con Boeing.

Corre anche il titolo Morphosys +3,36, dopo l’approvazione di Aducanumab, principio attivo contro l’Alzheimer del gruppo statunitense Biogen, che potrebbe portare benefici a tutte le aziende biotecnologiche che hanno studi clinici sull’Alzheimer.

Zalando -4,36 ha invece sofferto di prese di profitto dopo il rally degli ultimi giorni. Gli osservatori di mercato di Index-Radar considerano le azioni del rivenditore di moda online ‘gravemente surriscaldate‘.
 

Non è possibile commentare questo post.

CONOSCERE IL DAX